Cosa vedere alla Spezia in un giorno…

La città è circondata da talmente tante meraviglie conosciute in mezzo mondo, da essere snobbata a livello turistico. Di fronte alla bellezza di Portovenere, le 5 Terre e Lerici è ben difficile competere…Ma anche La Spezia riserva delle sorprese interessanti. I suoi giardini pubblici sul lungo mare, vantano piante esotiche come la canfora, la feijoa, l’albero del corallo – simbolo dell’Argentina e molte, molte altre specie rare. V’imbatterete, lungo i viali dei giardini anche in una statua di Garibaldi che si rifugiò qui, dopo la caduta della Repubblica Romana e in Via Biassa 99, troverete la casa dove abitava. D’estate si può saltare su un traghetto, proprio lungo la passeggiata a mare e fare il giro delle isole del golfo (Palmaria, Tino e Tinetto) , arrivare a Portovenere via mare, spettacolo imperdibile, oppure approdare alla spiaggia sull’isola Palmaria. Sempre dalla passeggiata a mare “Morin”, si può percorrere a piedi il ponte Thaon de Revel, che conduce a Porto Mirabello, altro porto turistico dove si possono ammirare yacht da sogno.

Dopo aver sognato a occhi aperti dove vorreste approdare con le splendide imbarcazioni, basta inoltrarsi verso il centro per trovare raffinatissimi edifici liberty. Tra questi, in Piazza S. Agostino, il Palazzo Oldoini (oggi Palazzo De Nobili) appartenuto alla Contessa di Castiglione, del Risorgimento, che si guadagnò l’appellativo :”Vulva d’Oro“. 

Ebbe almeno 43 amanti di spicco, tra cui Napoleone III. Non si hanno notizie certe della sua influenza politica poiché alla sua morte, “black men” fecero sparire ogni suo scritto, come pure il suo testamento. A noi rimane un suo diario dove “descrisse la prima notte passata con l’imperatore, e conservò per tutta la vita la camicia da notte che indossava, con la quale voleva essere sepolta perché rappresentava il simbolo della sua gioventù passionale, ma non solo. Per lei, che da quella notte ebbe cambiata la vita e le sorti italiane, quell’indumento era paragonabile alla bandiera nazionale, anzi a suo dire “avrebbe dovuto essere l’unico vessillo a sventolare dai pennoni d’Italia”. Vi riporto il link dove potrete approfondire la storia di questa straordinaria donna e trovare altre. Clicca qui.

Sono numerosi i palazzi liberty in città, ma passeggiando in mezzo alle orde di turisti in centro, vediamo che molti si fermano a  fotografare le “scalinate” particolari. Quando la durezza del territorio, con i suoi dislivelli, stimola l’uomo a “inserirsi” con grazia. 

Nel Golfo dei Poeti trovarono ispirazione Shelley, Byron e diversi altri autori. In città Wagner nel 1853, compose il preludio de “L’Oro del Reno”. Soggiornò nel Palazzo Doria-Pamphili. Avrete l’imbarazzo della scelta dei musei da visitare, ma se il vostro tempo è limitato, mi permetto di suggerirvi quel che difficilmente troverete altrove. A meno che non possiate recarvi anche a Pontremoli, consiglio il Museo Archeologico Castello San Giorgio per ammirare le misteriose Statue Stele. Assieme alla possibilità di scoprire questi enigmatici custodi di pietra, potrete visitare il Castello. Clicca qui.

Oltre alle statue Stele, potrete rischiare di rimanere “vittime” della Polena ammaliatrice presso il Museo Navale. Clicca qui.

Altra particolarità che non si trova facilmente girovagando per il mondo, è una collezione vastissima di sigilli di ogni epoca e tipo, che troverete presso il museo del Sigillo. Clicca qui. 

Se avete modo di fermarvi ancora qualche ora, magari dopo esservi concessi una pausa, in un bel bar o al delizioso caffè letterario: “Resilience Cafè”, altre meraviglie vi attendono nei seguenti musei. Clicca qui.

All’interno delle Poste Centrali, nella torre laterale, si trovano i mosaici futuristi di Prampollini e Fillia, commissionati da Marinetti, che assieme a Mussolini, speravano che La Spezia divenisse la città del Futuro. Purtroppo è rara l’apertura al pubblico, ma per godere almeno delle immagini, vi rimando a un articolo precedente. Clicca qui.

Alla fine della giornata, stanchi e affamati, potrete rifocillarvi  in uno dei molti ottimi ristoranti per gustare del buon pesce, assieme ad altre specialità (se sul menù trovate scritto: “muscoli” sappiate che si tratta di cozze.) Se desiderate vedere dall’alto la città, mi permetto di consigliarvi un piccolo “paradiso”.  Il ristorante “Il Paradiso del Golfo” per gustare l’antipasto misto di mare, la farinata specialità locale (fatta con la farina di ceci)  e molte altre bontà. Clicca qui.

Benessere e comunicazione. 5 incontri al Freya

L’Associazione Freya organizza 5 incontri, a cadenza mensile, centrati sul benessere e sulla comunicazione. L’obiettivo che si prefigge è quello di fornire strumenti utili a superare problematiche derivanti da stress, ansia e comunicazione non corretta legata al nostro mondo emozionale. Il lavoro si basa su esercizi di consapevolezza corporea (alcuni di scuola taoista altri di scuola occidentale) con un laboratorio esperenziale legato alla comunicazione e alla presa di coscienza di alcuni nostri schemi emotivi.

Primo incontro gratuito. Domenica 26 febbraio 2017 dalle ore 14.30 alle ore 18.30.

Le date degli altri 4 incontri:

Domenica 26 Marzo 2017 (dalle ore 14.30 alle ore 18.30)

Domenica 30 Aprile 2017 (dalle ore 14.30 alle ore 18.30)

Domenica 28 Maggio 2017 (dalle ore 14.30 alle ore 18.30)

Domenica 18 Giugno 2017 (dalle ore 14.30 alle ore 18.30)

Costo di ogni incontro euro 40,00 (più tessera associativa per chi non è iscritto)

I partecipanti sono invitati ad indossare abbigliamento comodo.

Associazione Freya

Via del Rebocco, 81. La Spezia. Per info: Elena 340 98 72 093

freya_imp

Concerto benefico per i nostri amici a quattro zampe

“Concerto benefico per i nostri amici a quattro zampe”. Federica Paita (presidente associazione ARKUS – UnCane, UnAmico) e Jenny Fumanti (presidente associazione CA.TE.RI.NA.) ringraziano i partecipanti all’iniziativa e le istituzioni coinvolte:«È stato un successo che intediamo ripetere nei prossimi mesi».

Domenica 22 Gennaio si è svolto, presso il dehors del ristorante La Calata in Piazza Garibaldi a Lerici, un concerto benefico, tenuto dalla cantante e musicoterapeuta Jenny Fumanti e dal suo coro “donne di CA.TE.RI.NA.”, per raccogliere fondi a sostegno dell’associazione “ARKUS – un cane, un amico”.

Il coro “donne di CA.TE.RI.NA.” è composto da alcune delle donne che partecipano ai percorsi di musicoterapia con metodo VOCE E CANTO NATURALE® promossi dall’associazione CA.TE.RI.NA. col progetto VibrarCantando 2017, cantare per “dare voce” alle nostre emozioni, per affrontare e superare momenti o storie di vita difficili.

All’evento, patrocinato dalla Regione Liguria e dal Comune di Lerici, hanno partecipato molti rappresentanti istituzionali: la consigliera regionale Stefania Pucciarelli, il Sindaco di Lerici Leonardo Paoletti, l’assessore lericina Luisa Nardone, il consigliere comunale di Ameglia Gregorio Ravani, e la responsabile provinciale dell’ufficio tutela e diritti animali Antonietta Zarelli.

Prima dell’evento il Parroco Don Federico ha benedetto gli animali presenti, tra cui due cani, Rebecca e Smith, del Canile Pezzino che cercano qualcuno disposto ad adottarli.

«È stata una giornata ricca di musica ed emozioni – dichiarano le presidenti delle associazioni coinvolte – e siamo felici di aver trovato una così calorosa partecipazione della cittadinanza e delle istituzioni. Ringraziamo in particolare Don Federico che con grande gentilezza, poco prima del concerto, ha portato i suoi saluti e benedetto i cani presenti, e il proprietario del ristorante la Calata che ha messo gratuitamente a disposizione la struttura. Siamo intenzionate a replicare l’evento nei prossimi mesi, sicure di una sempre maggiore e profiqua collaborazione delle istituzioni e della cittadinanza.

VibrarCantando 2017

In occasione della giornata dedicata a Sant’Antonio Abate protettore degli animali domestici le associazioni no profit ARKUS e CA.TE.RI.NA. propongono il concerto benefico VibrarCantando 2017: in favore dei nostri Amici a 4 zampe che si terrà a Lerici domenica 22 gennaio alle ore 15:30 in piazza Garibaldi presso il dehors del Ristorante La Calata, messo a disposizione gratuitamente per l’occasione.
L’incasso sarà devoluto alla realizzazione di progetti dell’associazione ARKUS, uncane, unamico, una onlus nata nel 2008 a Ventimiglia e ora presente sul nostro territorio con la Sezione di Lerici che è attiva su tutta la provincia della Spezia.
L’associazione ARKUS Lerici, la cui presidente è Federica Paita, si occupa della cura e della tutela degli animali del territorio, di casi di maltrattamento, di raccolta cibo da destinare alle colonie gestite dai volontari; inoltre offre un contributo per aiutare anche animali di proprietà che, purtroppo a causa della crisi economica che ha colpito moltissime famiglie, sono anch’essi in difficoltà nel caso necessitino di interventi chirurgici e terapie farmacologiche costose. ARKUS è stata inserita tra i componenti del Nuovo Osservatorio Regionale per lo studio e il controllo delle popolazioni animali e dunque è partecipe del programma regionale di prevenzione del randagismo; promuove adozioni e la sensibilizzazione della popolazione alle varie tematiche relative al mondo animale e ai loro diritti attraverso iniziative come questo concerto nato dalla collaborazione con l’associazione CA.TE.RI.NA. che si occuperà di “dare voce” con il canto a chi “voce non ha” .
Protagoniste del concerto saranno la cantautrice e musicoterapeuta spezzina Jenny Fumanti e il coro DONNE di CA.TE.RI.NA., composto da alcune delle donne che partecipano ai corsi di musicoterapia VOCE E CANTO NATURALE®.
L’associazione CA.TE.RI.NA. da alcuni anni promuove e sostiene concerti ed iniziative benefiche a tutela delle donne, del benessere della persona e organizza manifestazioni in favore dell’ambiente e dei diritti degli animali.
L’evento, che sarà un’occasione anche per conoscere meglio queste due associazioni e le loro iniziative nel sociale, ha il patrocinio della Regione Liguria e del Comune di Lerici.
Il costo del biglietto è € 5,00. www.caterinaassociazione.over-blog.com
Associazione CA.TE.RI.NA. no profit info@associazionecaterina.org cell.327 9345050

concerto-22-gennaio-locandina

Il Sindaco Federici consegna una pergamena a Rita Gramignani

La Spezia, 27 gennaio 2016 – Questa mattina il Sindaco della Spezia Massimo Federici ha consegnato a Rita Gramignani una pergamena in segno di riconoscimento per gli altissimi risultati sportivi conseguiti.

Rita Gramignani è una scacchista italiana che recentemente ha conseguito il titolo di “Maestro”, titolo che solo 2 donne in Italia sono riuscite ad ottenere.

“Questa pergamena – ha dichiarato il Sindaco Massimo Federici –  è un piccolo ma doveroso riconoscimento ad una “regina” degli scacchi che attraverso le sue innumerevoli vittorie in campo Nazionale ed Internazionale ha portato il nome della Spezia agli onori delle cronache.  Una carriera straordinaria che è culminata proprio nel titolo di “Maestro di scacchi”. A nome  mio e della città –  ha concluso Federici – un grazie di cuore  e un in bocca al lupo per le sue prossime sfide.

Biografia

Rita Gramignani è una scacchista italiana

Ha vinto per ben nove volte il Campionato italiano femminile negli anni 1973, 1975, 1976, 1980, 1983, 1987, 1989, 1991, 1992. Seconda solo a Stefano Tatai tra i giocatori e le giocatrici italiane per numero di vittorie conseguite.

Ha partecipato con la squadra italiana a sette edizioni delle Olimpiadi scacchistiche.

Nel 2000 ha ricevuto il premio AMIS (Associazione Maestri Italiani di Scacchi) Gioacchino Greco – Una vita per gli scacchi. (fonte Wikipedia)

Presepi a Riccò – II Edizione concorso “I Presepi più belli”

La Proloco di Riccò del Golfo, sull’onda del successo riscosso nel 2015, quest’anno ha nuovamente promosso la Mostra dei Presepi nell’Oratorio di San Michele a Valdipino. Ci sono però belle novità. Anzitutto il concorso di presepi per grandi e piccini che saranno giudicati da una commissione (il giorno della Befana conferirà ai vincitori i premi messi in palio dalla Proloco e dagli sponsor quali Hotel Le Rondini e distributore Total di Riccò). La seconda novità è l’allestimento a cura della stessa Proloco di un grande Presepe all’ingresso dell’Oratorio, in parte mobile, realizzato in poliuretano gessato e legno.

Il Presidente Claudio Landucci, noto preseparo, l’ha interamente costruito a mano cominciando a fine estate, coadiuvato per la parte tecnica dal figlio Mattia e da Gabriele Benabbi, mentre per la parte artistica si è avvalso dell’opera di Alberto Zattera che ha scolpito le statue principali.

Muovendosi sullo stretto filo teso fra innovazione e tradizione, Landucci e la sua squadra hanno inteso conferire al loro particolare presepe, oltre a quella propriamente religiosa, una finalità didattica, perché le grandi proporzioni del manufatto permettono la cura dei particolari minimi che di solito si omettono. L’ambientazione è una piazzetta di paese al tramonto come se ne sarebbero potute vedere in Liguria fino all’anteguerra, con la vita che scorre lenta fra le occupazioni di u vivere scandito dai ritmi agropastorali rimasti fino allora immutati per secoli.

Le connotazioni sono, per cosi dire, classiche, infatti troviamo la locanda del Caval grigio e la stalla della Natività ma è innovativo il modo di “colorare” la vita del contorno (che pare abbastanza indifferente rispetto al grande evento) con scene casalinghe, botteghe, suppellettili, attrezzi. Quel mondo semplice, insomma che ha scelto Gesù per nascere può essere utile anche a più piccini per imparare a conoscere aspetti del recente passato che ormai non si vedono più e stanno svanendo anche dalla memoria degli adulti. Gli effetti prodotti dalle luci sulle grandi case e sulla gente all’opera conferiscono al presepe un’atmosfera emozionale che induce i cuori ad aprirsi al Grande Misero.

L’inaugurazione sarà fatta dal parroco don Franco di Bonito a Valdipino il giorno 23 Dicembre alle 16 con la celebrazione liturgica che aprirà le festività Natalizie nel territorio di Riccò del Golfo. La mostra sarà visibile fino alla Befana il pomeriggio dalle 15.30 alle 17.30 salvo diverso orario concordato col Presidente.