Lerici e…..Il Fagolo!

Quando ho conosciuto Lerici per la prima volta me ne sono innamorata. All’istante.

Non appena mi sono affacciata fuori dalla macchina la cosa che mi ha fatto rimanere senza fiato è stato il profumo dei pini; l’orizzonte del mare; l’infrangersi delle onde senza neppur vedere la battigia che la costa precipita.

E’ un vero spettacolo della natura.

Località marina quindi, nei molti ristorantini presenti, si gusta dell’ottimo pesce, e la carne? Assolutamente si.

In pieno centro storico in Piazza Mottino, proprio dietro la centrale Piazza Garibaldi si trova “IL FAGOLO”.

fagolo 2

 

La location è la prima cosa che colpisce, decisamente accattivante.

Attenzione, gentilezza e passione per la cucina è ciò che emerge dopo aver chiacchierato con la proprietaria nonché cuoca. Il cibo è preparato con ingredienti assolutamente freschi e le materie prime trattate con rispetto e delicatezza. La presentazione dei piatti è sobria ed elegante e buona è la carta dei vini.

Assolutamente consigliato.

Dentice su dadolata di verdure

dentice-al-cartoccio

Questo mese ho deciso di dedicare il mio articolo al pescato.

E Giugno è un buonissimo mese per acquistare il Dentice. Pesce ricco di proprietà nutritive e di gusto e diciamolo…. in periodi di grossa pesca… il portafogli ne guadagna J

Leggi tutto “Dentice su dadolata di verdure”

Pasta ai “3” pomodori

Uno non vale l’altro.

L’Italia e’ il primo paese Europeo che si colloca al primo posto sia come produttore che come consumatore di pomodoro.  Ho letto che gli Italiani sono portati a comperare un tipo di pomodoro piuttosto che un altro a seconda del luogo di provenienza o dell’autenticita’ di questo ingrediente trascurando cosi l’utilizzo finale di questo meraviglioso ortaggio. In verita’ facendo qualche ricerca ho scoperto che cosi come per il vino o l’olio esiste il “Sommelier del pomodoro”. 

Leggi tutto “Pasta ai “3” pomodori”

Lu purpu a pignatu

Anche se ci troviamo in Liguria e il nostro panorama gastronomi è ricco assai trovo che sia assolutamente “doveroso” affacciarsi anche alle nostre “regioni sorelle”, in fin dei conti siamo in Italia 🙂 Per questa ragione Vi propongo una ricettina regalatami proprio da una nonna Salentina.

Lu purpu se cucina cu l’acqua soa stessa..cita la nonnina! Espressione che si riferisce sia al noto pesce tentacoloso di cui il Mar Mediterraneo è ricco, sia al locale modo di definire una persona che piuttosto che ascoltare i consigli di altri preferisce sbagliare da sola!

Di seguito tipica ricetta:

 

Ingredienti

1Kg Polpo, 1Kg patate, 10 pomodori ( datteri o ciliegini ), 2spicchi aglio, 1 cipolla bianca, 2porri, prezzemolo, pepe e peperoncino, vino bianco sale e olio evo q.b.

Preparazione

Immergere per qualche minuto i pomodorini in acqua bollente e subito dopo farli riposare in una terrina colma di ghiaccio, in modo che la spellatura sia agevolata. Nel frattempo pelare le patate e farle a tocchetti.

In una pentola dai bordi alti ( fosse di terracotta ancora meglio! ) fate rosolare in abbondante olio evo per circa 30minuti il polpo. Mi raccomando durante questo processo di non aggiungere ne acqua ne sale cosi facendo il polpo diventerà di un bel colore rosa. Sfumare a questo punto con il vino bianco ( ½ bicchiere dovrebbe essere sufficiente).

Una volta sfumato aggiungere le patate, i porri, la cipolla, l’aglio, il pepe e il peperoncino. Mescolate e coprite con un coperchio. Fate cuocere indicativamente per un’altra mezz’ora a fuoco lento e provate punzecchiando con una forchetta sia patate sia polpo per testarne la cottura. Ovviamente i tempi sono indicativi… quindi affidatevi alla Vs esperienza.

Una volta pronto trasferitelo in un piatto da portata, cospargete con un trito di prezzemolo fresco e qualche bruschetta croccante.

Venitemi anche a trovare a www.padellaintavola.com.

 

Consiglio:

Prima di preparare la ricetta ricordatevi di comperare il polpo e tenerlo in freezer per qualche giorno. Aiuterà a farlo diventare più tenero.

Enjoy!

Torta di noci e carota

Buono senza Sale di Raffaella Ferrari. Questo è un dolce di facile realizzazione sano nutriente e leggero. Si realizza senza uovo, senza burro e con il latte di soia, quindi va bene anche per chi osserva diete vegane e vegetariane.

Ingredienti

Una carota, due bicchieri di farina, cinque cucchiai di zucchero di canna, tre cucchiai d’olio di semi, quattro gherigli di noce, mezzo bicchiere di latte di soia.

Preparazione

Lavate la carota e frullatela assieme alle noci. Impastate tutti gli ingredienti fino a ottenere un composto denso,cremoso ed omogeneo. Foderate una teglia con carta da forno. Cuocete in forno a 180 gradi per quaranta minuti circa.